La Mission

La Mission di AIL è migliorare il percorso di cura dei pazienti onco-ematologici, con l’obiettivo di far ottenere loro una buona qualità di vita. Prendersi cura dei pazienti ricoverati, alleviando la degenza tramite il conforto e la fornitura di piccoli servizi a loro necessari.

Ascoltare i loro bisogni

mettendo al centro della nostra missione la persona affetta dalle patologie del sangue e i suoi familiari, anche collaborando con questi ultimi in modo che possano aiutare il loro congiunto nel miglior modo possibile.

Finanziare gli studi clinici

che vengono effettuati con la sperimentazione di nuovi farmaci approvati dall’AIFA e applicati ai pazienti arruolabili negli stessi, in modo da offrire tutte le possibilità di cura.

Sostenere la ricerca clinica

e sperimentale italiana attraverso contributi al G.I.ME.MA, unico centro italiano per la ricerca sulle malattie ematologiche dell’adulto, interamente finanziato dalle sezioni AIL presenti in Italia.

Lettera del Presidente

Il 2019 è stato ricco di eventi, di progetti, di speranze. Abbiamo festeggiato il 25° anniversario della fondazione di AIL Ravenna e portato avanti numerose iniziative. È stato inoltre l’anno in cui le tre AIL Romagnole si sono unite nella proposta di un progetto comune: l’assistenza domiciliare infermieristica per i bambini affetti da tumore seguiti presso l’Oncoematologia di Rimini. Inoltre, sono iniziati i lavori di ristrutturazione e ampliamento del reparto di Oncoematologia. Sarà il primo ed unico Centro Trapianti in Romagna.

Voglio ricordare che nessuna delle nostre attività sarebbe stata possibile senza la costante presenza dei Volontari ai quali va il mio più sentito “GRAZIE”. Senza di loro non potremmo pensare di fare ciò che stiamo facendo. Un grande ringraziamento agli sponsor, alle Aziende ed Enti che ci hanno aiutato. Infine un GRAZIE a Valeria e Cristina, le due infaticabili Segretarie vere anime dell’Associazione.

Grazie a tutti!
Alfonso Zaccaria

25 anni di AIL Ravenna

Mentre nel 2019 eravamo pieni di ottimismo e guardavamo al futuro con serenità, nel 2020 abbiamo dovuto affrontare dubbi e preoccupazioni, che hanno coinvolto la sfera dell’Associazione in tutti i suoi aspetti. Durante l’emergenza le nostre attività non si sono fermate. Abbiamo dovuto annullare gli eventi pubblici, ma i servizi che offriamo ai nostri pazienti sono proseguiti anche con maggior impegno, proprio per evitare che essi dovessero recarsi in ospedale e correre il rischio di essere contagiati.

Il nostro obiettivo non è soltanto quello di presentare i conti economici dell’Associazione, registrando i ricavi e le spese sostenute, ma è soprattutto quello di elencare gli scopi dell’Associazione. Andando quindi a mostrare la strategia che si intende attuare, come per esempio il supporto economico e morale ai pazienti oncoematologici della nostra Provincia e alle strutture che li assistono, e la tattica, ossia le modalità con le quali attuare il progetto di partenza, come l’organizzazione di manifestazioni ed eventi atti a raccogliere fondi per supportare i progetti stessi.
Vogliamo quindi farvi verificare e toccare con mano quanto fatto in questo quarto di secolo.

Le AIL della Romagna

Il 9 giugno 2019 si è svolto per la prima volta un evento che ha visto riunirsi circa 200 amici delle tre AIL romagnole: un grande pranzo all’aperto ha fornito l’occasione per tanti volontari delle tre Sezioni per incontrarsi, conoscersi, scambiarsi informazioni e pareri in un contesto di grande allegria e condivisione. Il tutto si è concluso con una torta tagliata dai Presidenti.

L’occasione è derivata dalla decisione, impostata da AIL Rimini, di realizzare un progetto comune finalizzato alla gestione domiciliare, da parte di un infermiere specializzato, dei bambini malati di tumore seguiti dalla Oncoematologia Pediatrica di Rimini. Ciò consentirà ai piccoli pazienti, spesso in condizioni ancora precarie dopo la chemio terapia, di evitare spostamenti settimanali verso Rimini per piccole manovre infermieristiche, riservando gli accessi alla struttura riminese solo in caso di reali problemi clinici.

Il progetto è già stato economicamente finanziato dalle 3 AIL, ma non è ancora stato attivato anche a causa dei ritardi provocati dalla pandemia in atto.

Le piazze di AIL

Con le sue attività e i suoi banchetti AIL Ravenna opera in più di venti comuni e frazioni della provincia.

Uova di Pasqua AIL 2019

L’annuale campagna di distribuzione delle Uova di Pasqua AIL si è svolta nei giorni 5/6/7 Aprile nelle maggiori piazze della provincia grazie all’attività dei nostri volontari.

uova distribuite

e oltre volontari impegnati

punti vendita

€ raccolti al netto delle spese

Stelle di Natale AIL 2019

In occasione della tradizionale campagna “Stelle di Natale AIL” abbiamo organizzato 30 punti vendita per distribuire le piantine simbolo del Natale di AIL da oltre 30 anni.

stelle distribuite

e oltre volontari impegnati

punti vendita

€ raccolti al netto delle spese

Testimonianze

La forza dell’AIL sta proprio in questa tenacia propulsiva e costante di rimanere sempre al fianco del paziente ematologico e di comprenderne tutte le sue necessità, di capirne la sua complessità umana, e di avere la forza di realizzare quei bisogni talora meno chiari e meno visibili ai più.

Francesco Lanza

Direttore UO Ematologia, Ravenna-Faenza-Lugo e Rete Trapianti CSE della Romagna

Fare la volontaria è un’esperienza che ti fa stare bene, ti arricchisce e ti fa apprezzare la vita anche nelle piccole cose che troppo spesso dimentichiamo.

Pia Guidani

Volontaria AIL

Nel momento più triste della mia vita, ciò che è contato di più è stato il supporto continuo dei volontari AIL, persone che fino a quel momento non conoscevo. Ho scoperto che a volte è più facile farsi aiutare da persone mai viste, ma poi che ti sembra di conoscere da sempre.

Una paziente anonima

Durante tutto il periodo di malattia l’associazione mi è stata vicina, diventando per me quasi una seconda famiglia. E come in una famiglia, dove tutti si aiutano nel momento del bisogno, anch’io ho sentito di dover fare qualcosa di utile. Ecco perché sono diventata volontaria in reparto, per trasmettere la mia esperienza e dare coraggio a chi in certi momenti sente di non farcela.

Giancarla Castellucci

Ex paziente e Volontaria

La sfera economica

Obiettivi futuri

Continuano i lavori di ristrutturazione del reparto di onco-ematologia dell’ospedale di Ravenna. Per questo intervento AIL Ravenna ha deliberato di investire 150.000 €.

Partenza del servizio di Assistenza Pediatrica Domiciliare, progetto realizzato in collaborazione con le sezioni AIL di Rimini e di Forlì-Cesena.

Presa in carico del progetto di Assistenza Psicopedagogica Domiciliare Pediatrica. Questo servizio è rivolto a tutti i bambini della fascia di età 0-6 anni affetti da patologie onco-ematologiche osservati presso l’U.O. di Pediatria Sezione di Onco-Ematologia dell’Ospedale “Infermi” di Rimini e prevede prevede l’attivazione di un educatore professionale per ogni bambino, a copertura della zona di Ravenna e provincia.

Compila il modulo per ricevere una copia in PDF del Bilancio Sociale

Leggi l'informativa sulla privacy

Chi siamo

RAVENNA AIL, da anni offre il suo contributo al miglioramento della gestione del paziente emopatico sotto il profilo diagnostico e terapeutico.

Seguici anche sui social!

Contatti

Telefono cellulare:
333 2062013 – 371 3489886

Sede operativa:
c/o Ematologia Viale Randi, 5
48121 Ravenna

© 2020 RAVENNA A.I.L. C.F. 92032520394
Sede legale: via A. Sansovino 57 – 48124 Ravenna | Progetto bSOCIAL

X